PAGINA 3

Nel 1967 Riki tenta la carta Sanremo, partecipandovi con l'allora compagna di Mick Jagger. Marianne Faithfull. La mossa sembra solamente pubblicitaria ma, in realtÓ, la canzone proposta dai due (C'Ŕ chi spera), Ŕ una delle pi¨ interessanti in gara. Sul retro di quel singolo troviamo Sono il tuo poeta.
Sempre nel 1967 il successo continua ad arridere a Riki, che partecipa anche al Festivalbar con Prendi fra le mani la testa, ancora di Mogol-Battisti, insieme ad una bella cover, Beggin' dei Four Seasons dal titolo Prega e che incontrerÓ un successo immediato. Richiestissimo nei locali alla moda di allora, primi fra tutti i Piper di Roma e Milano . Nel maggio 1968 conosce e diventa amico del leggendario chitarrista Jimi Hendrix, in Italia per la sua unica tourneŔ, nel soggiorno milanese. Riki parlava benissimo l'inglese, aveva una mentalitÓ Europea, era simpaticissimo ed entr˛ subito in sintonia con lui.
Tempo dopo and˛ a Londra a trovarlo e ricevette la stessa simpatica ospitalitÓ.

Con la realizzazione di Ma l'amore no (di Giovanni D'Anzi'.), forse sulla scia "revival" di Portami tante rose dei Bisonti e dei "suoi" Camaleonti, incide sul lato B Un'altra vita , brano cantato da Paul Jones (Free me) nel film "Privilege" . La canzone Ŕ la descrizione della sua avventura nel sistema discografico, Riki decide di non scendere pi¨ a compromessi, vuole decidere direttamente cosa interpretare, senza la ricerca del successo ad ogni costo. Qualcuno lo taccia di presunzione e dopo tre o quattro singoli realizzati in un anno, nel 1968 vedrÓ la luce solo un 45 giri. Quest'ultimo Il re della solitudine e E volerai Ŕ composto da due cover. La prima Ŕ ancora un brano di Paul Jones, Sons and lovers. 
   
pagina precedente pagina successiva
   

BIOGRAFIA - PHOTOGALLERY - DISCOGRAFIA - COVER - PRESS - EVENTI - AUDIO - NEWSLETTER - CONTATTI
DESIGN BY: WEB MEDIA LAB